Fatevi un favore e andate a vedere la mostra di Cesura sul Covid-19

-

spot_img

Il Covid-19 non ce lo siamo lasciati alle spalle, anzi. Ogni giorno viviamo tra divieti, minacce di chiusure. E anche se il lockdown sembra un momento ormai legato al passato, nonostante siano passati soli pochissimi mesi, quel momento ci ha messo a dura prova.

Tra paura, incoscenza e incertezze il lockdown in Italia è stato che ci ha messo a dura prova, un momento condiviso, dal Nord al Sud.

Un momento di forte paralisi del Paese, dove i numeri l’hanno sempre fatta da padrone. Dove la gente, tra coprifuoco e divieti, non sapeva come muoversi e si è trovata di fronte ad vortice di emozioni di difficili gestione.

Questo lungo periodo l’ha raccontato Cesura con la mostra “Interludio”, con fotografie e video del collettivo piacentino.

Si Fest 2020, le mostre che ci hanno fatto innamorare
© Francesco Gozzi

L’esposizione, presentata tra le mostre del Si Fest 2020 come unica del circuito Off, coinvolge tutti i sensi. A partire dalla musica, angosciante e cupa, che fa entrare subito nella situazione drammatica che si è vissuta in quel momento e guida lungo un percorso fatto di immagini, fotografie, video e screenshot raccolti dai messaggi inviati con lo smartphone o rubati da call su Zoom e altri programmi che ci hanno permesso di connetterci – di nuovo – con gli altri, anche solo attraverso il pc.

Tra questi lo scambio di dubbi, domande, di ricette, i saluti agli amici, ai fidanzati e ai parenti che non si potevano più raggiungere perché divisi tra confini geografici e zone rosse.

La paura dello stare chiusi in casa, del controllo, delle multe, della mancanza di libertà e di uscire per respirare. E poi le dirette con il Premier, le piccole fughe, i primi movimenti – timidi – appena terminato il lockdown e gli abbracci veri, quelli che ormai per mesi erano stati solo virtuali.

Si Fest 2020 mostre che ci hanno fatto innamorare
© Francesco Gozzi

E poi i morti, i malati, il lavoro dei sanitari, i segni delle mascherini sui volti, le cicatrici indelibili dei sentimenti: un grande urlo collettivo, come a cercare di far cessare tutto. E il dopo lockdown con i negozi a rischio chiusura, la paura di uscire, l’angoscia della ripartenza.

Un interludio perchè ciò che abbiamo vissuto è stata una “parentesi”, un’interruzione del normale corso delle cose. Una parentesi che non è ancora del tutto chiusa.

La mostra racconta tutto questo: una vita spezzata nella sua quotidianità e poi ricomposta, coccio dopo coccio. Bella perché senti di farne parte.

Silvia Parmeggiani
Silvia Parmeggiani
Giornalista freelance, scrive di attualità, cultura e viaggi per diverse riviste, cartacee e online. Inoltre, si occupa di comunicazione e crea contenuti per aziende, soprattutto per il web. Copy e social media manager freelance, è appassionata d'arte, fotografia e new media; inoltre, dal 2013 è co-fondatrice, redattore e responsabile dei social del webmagazine di fotografia “The Mammoth's Reflex”.

Fujifilm cashback su prodotti GFX e Serie X

spot_img

Ultimi articoli

Eve Arnold, 170 fotografie da vedere a Forlì

Le sale del Museo Civico San Domenico di Forlì si aprono a una leggenda della fotografia del XX secolo:...

700 immagini per scoprire il mondo: a Lodi torna il Festival Fotografia Etica 2023

Tutto pronto a Lodi, per il Festival della Fotografia Etica edizione 2023. Come da tradizione, l'evento si svolgerà nella città lombarda...

Street reportage: un workshop con Massimiliano Faralli a Padova

Il workshop di street reportage con Massimiliano Faralli è un corso dedicato a chi vuole imparare a fotografare per...

You might also like
- potrebbero interessarti -