Al via le iscrizioni per partecipare al Visible White Photo Prize 2017

0
459

Si potrà partecipare fino al 28 gennaio alla nuova edizione di Visible White Photo Prize 2017, premio internazionale per la fotografia artistica.

Il tema della sesta edizione è In Conflict e va alla ricerca delle nuove manie che portano nazioni e persone a conflitti sociali e politici sempre più forti, con effetti imprevedibili sul comportamento personale e pubblico.

Il concorso, curato da Laura Serani, che ha già fatto parte della giuria del World Press Photo Awards, è aperto a tutti senza limiti di età o esperienza, con mostra finale a Firenze.

 

La giuria
Laura Serani, chief curator In Conflict, in giuria al World Press Photo Awards
Selva Barni, direttrice Fantom
Andrés Duprat, direttore Argentina Fine Arts Museum, Buenos Aires
Brigitte Lardinois, direttrice Archive Research, University of the Arts, London
Elisa Medde, managing editor Foam International Photography Magazine
Moritz Neumüller, direttore Fotografía Artística Contemporánea IDEP, Barcellona
Azu Nwagbogu, fondatore e direttore LagosPhoto Festival, Nigeria

La scadenza per le adesioni è il 28 febbraio 2017.

Entro il 31 marzo 2017 saranno rese pubbliche le 5 foto singole e i 10 progetti finalisti che parteciperanno alla mostra presso la Fondazione Studio Marangoni di Firenze, a maggio 2017.
Durante l’inaugurazione della mostra finale saranno decretati i vincitori.

Quota di adesione
20 € foto singola, per ogni foto successiva 15 €
50 € progetto fotografico (include fino a 10 foto), per i successivi progetti 40 €.

In palio 5.000 € di premi in denaro.
2.500 € Premio Progetto
1.500 € Premio Progetto, secondo classificato
1.000 € Premio Foto Singola

Sarà prodotto un catalogo che comprenderà le immagini e le presentazioni dei finalisti ed i testi critici del chief-curator di In Conflict Laura Serani.

In Conflict è una collaborazione tra Celeste Network e la Fondazione Studio Marangoni.

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here