ROMA. Dall’11 giugno a Matèria Gallery inaugurerà una nuova mostra: Rokovoko, di Giulia Marchi. Nella galleria romana, in anteprima, sarà dunque esposto un corpus di tre lavori che definiscono le tematiche esplorate e sviluppate dall’artista.

 

 prima di essere schiuma seremo indomabili onde. Giulia Marchi
prima di essere schiuma seremo indomabili onde. Giulia Marchi

 

Il rapporto tra fotografia e letteratura, tra parola e immagine lega i lavori che occuperanno le due sale di Materia spaziando dalla fotografia stessa all’installazione, proponendo una concezione altra di “spazio”.

Rokovoko, che da’ anche il titolo alla mostra, è un’isola immaginifica del celebre romanzo di Herman Melville “Moby-Dick or The Whale” e rappresenta un punto d’arrivo irraggiungibile una meta tracciata da rotte letterarie che coraggiosamente affiancano Cesare Pavese, Gustave Flaubert e lo stesso Melville, su di una cartografia irrisolta.

Paesaggi irrisolti”, “Memorie selettive”, “Prima di essere schiuma saremo indomabili onde” i nomi propri dei lavori esposti.

 

 

Matrici di polaroid alterate al servizio di una chimica del paesaggio; confini irrisolti tracciati da fili bianchi, da funamboliche funi sulle quali camminare, geometrie aliene in dialogo con scenari terrenamente eseguiti. La memoria non è lineare e localizzare è fondamentale per ricordare; luoghi destinati al vuoto, lasciato, perché fosse occupato dalla memoria divenuta selettiva e adagiata in cassetti che ne divengono dimora. La rotta appare incompleta, costretti ad avanzare al buio scandagliamo la spazio in apnea, direzionati dalla bacchetta del rabdomante che dà il ritmo al viaggio.

 

[quote_box_center]

GIULIA MARCHI | R O K O V O K O

Dove: Matèria Gallery, via Tiburtina 149, Roma

Quando: dall’11 giugno al 31 luglio 2015

Info: contact@materiagallery.com ; www.materiagallery.com

[/quote_box_center]

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here