Era il 1959 quando veniva stampato “Jump Book” di Philippe Halsman. Un classico dell’editoria fotografica che dopo tutti questi anni è stato ripubblicato da Damiani editore.

 

Jump Book Cover
Jump Book Cover

 

Quello del saltare è un movimento futile ma altamente evocativo: simbolo di libertà, di fanciullezza e di gioia che permette di far cadere la maschera che solitamente ognuno di noi è abituato ad indossare nella società. Questo lo sapeva bene Philippe Halsman, il quale al termine di ogni servizio fotografico chiedeva ai suoi soggetti di liberarsi da ogni inibizione e fare un piccolo salto, cogliendoli nel preciso istante in cui i loro piedi si staccavano dal suolo e rimanevano sospesi a mezz’aria.

 

Dutch actress Audrey HEPBURN. 1955. © Philippe_Halsman
Dutch actress Audrey HEPBURN. 1955. © Philippe_Halsman

 

Jump Book” è un libro di quasi duecento fotografie che ritraggono celebrità della metà degli anni Cinquanta – politici, artisti, letterati e reali – intente a compiere questo preciso gesto. Dal salto serio e un po’ ingessato del giurista Learned Hand a quello leggiadro di Grace Kelly, dal simpatico doppio ritratto della coppia reale il duca e la duchessa di Windsor a quelli un po’ alla superman di Thomas E. Dewei e Margaret Truman Daniel. Impossibili da non citare anche gli ormai storicizzati salti di Marilyn Monroe, Edward Steichen, Audrey Hepburn, Robert Oppenheimer, Weegee, Marc Chagall, Salvador Dalì e Brigitte Bardot.

 

1958. American physicist J. Robert OPPENHEIMER. © Philippe_Halsman
1958. American physicist J. Robert OPPENHEIMER.
© Philippe_Halsman

 

La ragione di questi salti è semplice e Halsman, nel saggio contenuto all’interno del libro, spiega come “la scienza del salto” vuole che «quando si chiede ad una persona di saltare la sua attenzione è principalmente rivolta verso l’atto di saltare e la maschera cade, facendo apparire così la persona reale». Si esalta ed emerge la spontaneità, la personalità e anche il carisma della persona, che per un piccolo istante libera la mente da ogni pensiero quotidiano.

 

 

 

 

INFO 

 

Jump Book

english

pagine:96

illustrazioni:194

rilegatura:cartonato

www.damianieditore.com

 

Comments

comments

SHARE
Previous article29 Arts In Progress porta venti polaroid di Barbieri a Arte Fiera Bologna
Next articleAliqual. A Verona in mostra il post terremoto Aquilano
Claudia Stritof
Claudia Stritof (1988, Locri; vive e lavora a Bologna, Italia) ha frequentato il liceo artistico sezione scultura e decorazione plastica e si è laureata in Storia e Tutela dei Beni Artistici dell’Università degli Studi di Firenze (2012) per poi conseguire la laurea magistrale in Arti Visive presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna, specializzazione in Teoria e Pratiche della Fotografia. E’ interessata al giornalismo artistico, alla curatela e in particolare il campo fotografico e ciò che più l’appassiona. Scrive per passione e cerca di farlo per professione, ha all’attivo pubblicazioni per cataloghi di mostre e articoli per riviste online.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY